Domande frequenti

di seguito le domande che i pazienti mi hanno rivolto più frequentemente:
qualsiasi altra domanda a cui non trovate una risposta nella presente sezione potete rivolgermela telefonicamente o per email
 
cos’è una consulenza?
La consulenza (o counseling) è una relazione di aiuto rivolta al singolo o alla coppia.
L’intervento ha come obiettivo offrire sostegno a chi si trova in fase di difficoltà o disagio, facilitando le scelte e accompagnandolo verso la soluzione della crisi.
 
cos’è una consulenza psicologica?
La consulenza psicologica  è un intervento di breve-medio termine che offre uno spazio di analisi ed elaborazione di problemi personali (un passaggio esistenziale come l’invecchiamento, o un
trauma, come un lutto, un abbandono, un tradimento o una separazione,  una scelta difficile professionale
o personale, un fallimento scolastico)
Può essere un percorso singolo o di coppia, a seconda della richiesta del paziente e della valutazione dello psicologo
 
Chi si rivolge ad uno psicologo per una consulenza? e perchè?
possono rivolgersi ad uno psicologo tutte le persone (singoli, coppie o famiglie) che si trovano ad affrontare problemi problemi personali, di coppia, familiari, evolutivi, pedagogici e professionali
Alcuni esempi: passaggi esistenziale come menopausa, l’invecchiamento, o un trauma, come un lutto, un abbandono, un tradimento o una separazione, una scelta difficile professionale o personale, un fallimento scolastico ecc.ecc.
Chi va dallo psicologo non è un malato, ma una persona che riconosce un problema e vuole tentare di risolverlo, utilizzando risorse e strumenti più adatti a tale scopo.
andare dallo psicologo in caso di problemi o per prevenire l’aggravarsi di un più semplice disagio signif
 
che differenza c’è fra consulenza psicologica e psicoterapia?
La consulenza psicologica rispetto alla psicoterapia è un processo meno profondo e radicale, decisamente più breve e circoscritto, finalizzato a risolvere i problemi del presente.
La psicoterapia è indirizzata a una persona la cui condizione psichica abbisogna di una cura. Il counseling invece è indirizzato a una persona che sta attraversando un momento difficile o di crisi.
 
come si svolge?
Si prevedono due o tre colloqui preliminari, con funzione conoscitiva e diagnostica.
La raccolta dei dati anamnestici e la descrizione dei sintomi permettono di ricollocare il disturbo attuale all’interno della storia personale dell’individuo.
Si costruiscono e condividono degli obiettivi concreti e si esplicita, quanto più possibile, i limiti di tempo entro cui raggiungerli insieme.
Di seguito, durante i colloqui successivi, si costruisce un percoso
 
cos’è e in cosa consiste una consulenza sessuologica?
La consulenza sessuologica (o sex counseling) è la prima modalità di intervento a livello sessuologico.
Il percorso di consulenza consiste in una breve serie di incontri aventi come fine il supporto e il sostegno per permettere delle scelte libere, consapevoli e responsabili riguardo la sessualità.
La consulenza si pone come una relazione di aiuto, che si pone l’obiettivo di co-costruire, insieme al cliente, una lettura più chiara della situazione che si trova a vivere, le scelte ipotizzabili, la possibilità/necessità di aiuto terapeutico (sessuologico, psicologico e/o medico).
 
Come si svolge?
Come per la consulenza psicologica si prevedono due o tre colloqui preliminari, con funzione conoscitiva ed eventualmente diagnostica.
Dopo i primi incontri il consulente sessuale definisce un eventuale percorso, con lui o con lo specialista più adeguato.
Uno degli scopi della consulenza, infatti, è di chiarire la domanda portata dal paziente e guidarlo verso la soluzione più idonea.
Essendo la sessuologia una disciplina complessa, punto di incontro tra diverse discipline e professioni, mediche e psicologiche, è frequentemente necessaria una guida, che individui, a seguito di alcuni colloqui, quale o quali specialisti  sono più idonei al caso specifico.
 
chi è il sessuologo?
Il sessuologo è uno psicologo oppure un medico, abilitato all’esercizio professionale, che ha completato un corso di formazione quadriennale in Sessuologia Clinica.
 
di cosa si occupa?
L’obiettivo primario della sua attività è promuovere la salute sessuale sia diffondendo un’informazione e un’educazione corretta sia intervenendo nei casi in cui il disturbo o la problematica si è già manifestato
 
Lo psico-sessuologo si occupa di:
  • Prevenzione e promozione della salute sessuale
  • Diagnosi e cura di sintomi e disturbi sessuali
  • Sostegno emotivo del paziente in momenti di crisi riguardanti la sessualità (dubbi sull’orientamento sessuale, problemi inerenti identità di genere, menopausa e andropausa, gravidanza ecc)
  • Orientamento l’utente o paziente verso il trattamento più indicato (inizio di una terapia sessuale, invio ad uno specialista, ad esempio ginecologo, andrologo, psicoterapeuta, nutrizionista ecc)
quando rivolgersi ad un sessuologo?
ogni qualvolta si sperimenta una condizione di disagio o di malessere associate alla sessualità sessuale o soffriamo di un sintomo che impedisce, rende spiacevole o dolorosa l’esperienza sessuale.
 
Cos’è e in cosa consiste una terapia sessuale?
La terapia sessuologica si prefigge come scopo essenziale la scomparsa del sintomo sessuale (es: calo del desiderio, disturbo dell’erezione, anorgasmia, vaginismo ecc.) e combina il colloquio psicologico con esperienze prescritte (le cosiddette mansioni terapeutiche) che il paziente o la coppia svolgerà a casa propria, nell’intervallo tra una seduta e l’altra.Lo psico-sessuologo valuta nei primi colloqui il tipo di percorso (psicologico, sessuologico ecc.) più idoneo al singolo individuo o alla coppia.
In genere il percorso, se il soggetto è sufficientemente motivato, si conclude con la remissione dei sintomi.

 
.
 

Comments are closed.